GLOBAL SHORT RENTALS

Silvia e Irene (Ink Your Travel): Italia in una maglietta

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0
Oggi abbiamo il piacere di conoscere un po’ di più Irene e Silvia, responsabili di Inkyourtravel, una fantastica collezione di magliette disegnate apposta per i viaggiatori. Ce ne sono per tutti i gusti.

Silvia è la mano che c’è dietro ai disegni di Ink Your Travel e l’autrice del blog idiaridellalambretta.comIrene è la mente che ha pensato Ink Your Travel e l’autrice del blog viachesiva.it.

Tutte e due ci daranno una visione nuova e originale del loro Paese, l’Italia.

1- Il tuo posto preferito per una pranzo in famiglia:

Ire: Casa della nonna vale? Oppure un bel crescione tutti insieme dalla Grazia a Cusercoli.

Silvia: Io non sono veneziana ma della provincia veneta. Se dovessi invitare la mia famiglia a pranzo a Venezia non ho dubbi, gli farei fare qualcosa di insolito per loro ma super veneziano: spuntino con bianco della casa e cicheti in uno dei tantissimi e meravigliosi bacari (il mio preferito è il Botegòn) e poi pranzo kosher alle porte del ghetto, da Gam Gam

 

2- Quel bar in cui hai trascorso ore parlando dei massimi sistemi con i tuoi amici:

Ire: Assolutamente la Collina dei Conigli, un bar molto accogliente in mezzo al parco della mia città.

Silvia: l’osteria da Codroma, con i tavolacci grandi e e le caraffe di rosso.

 

3- Quando vuoi sorprendere qualcuno lo porti a:

Ire: Bertinoro! È un paesino delizioso sulle colline romagnole. C’è una terrazza stupenda da cui si vede il mare. E di notte si vede tutta la Romagna illuminata da lassù, come se fossero lucciole.

Silvia: A vedere le sale monumentali della biblioteca marciana. Splendide e imponenti. Poi, sempre in piazza San Marco, una visita al negozio Olivetti, ora patrimonio FAI. E una capatina alla libreria Acqua Alta, per farsi sommergere dai libri ammassati ovunque: perfino in una vasca da bagno e in una gondola!

bertinoro

Flickr Vin on the move

4- Il negozio dal quale non puoi uscire senza aver prima comprato qualcosa:

Ire: Liccamuciula, a Marzamemi, nella punta sud della Sicilia. Uno dei luoghi più magici in cui io sia mai stata: libri, specialità tipiche, pezzi unici nati dalle mani sapienti di artisti siciliani. Liccamuciula non è un negozio, è un’esperienza.

Silvia: A San Polo c’è un negozietto di giocattoli vintage traboccante di gadget dei Beatles. Un posto fuori dal tempo, troppo carino nel suo essere strambo. Almeno una spilletta di Ringo la dovete comprare!

 

5-  Un piano domenicale perfetto:

Ire: la domenica perfetta prevede una lunghissima dormita! 🙂 Poi colazione in centro con un cornetto e un cappuccino e dritti al mare con gli amici. Si torna al tramonto e si va a cena in una delle tantissime sagre e feste che ravvivano la nostra Romagna (possibilmente cena a base di cappelletti al ragù alla moda delle nonne!).

cappelletti

 Flickr Federico Galarraga

Silvia: colazione (presto!) da Tonolo, che più che una pasticceria è un’istituzione: fa le frittelle più buone di Venezia nel periodo di Carnevale, e pasticcini deliziosi tutto l’anno. Mi perderei tra le calli secondarie cercando qualche angolo da disegnare o fotografare, e poi mi regalerei una mostra in uno dei tantissimi musei e spazi espositivi della città. Dalle 17.30 in poi ogni momento è buono per uno spritz in campo Santa Margherita.

6-  Un angolo speciale della tua città dove ti scatteresti una foto con indosso la maglietta Ink YourTravel:

Ire: davanti alla Torre Numai, uno dei posti a cui voglio più bene della mia città.

Silvia: tra i colori di Burano

 

7- Se disegnassi una maglietta della tua città ci stamperesti la frase:

Ire: “Romagna mia, Romagna in fiore, lontan da te non si può star”

Silvia:

Sire, ormai ti ho parlato di tutte le città che conosco

– Ne resta una di cui non parli mai.
Marco Polo chinò il capo.
– Venezia – disse il Kan.
Marco sorrise: – E di che altro credevi che ti parlassi?

(Italo Calvino, Le città invisibili, cap VI)

8-  Una gita fuori porta imperdibile:

Ire: Ancora Bertinoro! Bisogna scoprire questo paesino medievale tutto a piedi, e alla fine premiarsi con un bel crescione zucca, patate e salsiccia!

Silvia: mi gioco la carta di casa, Treviso e le splendide colline della campagna trevigiana. Per rimanere vicino al mare invece, il centro di Caorle è adorabile, e nella laguna di San Lio, passeggiando in sentieri pieni di sole si possono osservare tantissime specie di uccelli, e talvolta anche branchi di fenicotteri di passaggio!

inkyourtravel

 

9- Un souvenir originale che tutti i viaggiatori dovrebbero comprare:

Ire: i cappelletti fatti a mano!

Silvia: una scatola di latta piena di Buranelli

 

 

 

 

Facebook: Ink Your Travel
Twitter: @inkyourtravel
Instagram: @inkyourtravel
Google+: Ink Your Travel 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0

Comentarios

comments